ISOLA DI PENANG E CITTÀ COLONIALE DI GEORGETOWN

Palazzi coloniali, spiagge e parchi naturali

Uno dei murales piu famosi di Penang (Photo by Gabriele Ferrando)
Uno dei murales piu famosi di Penang (Photo by Gabriele Ferrando)

Il Penang è uno stato della Malesia che comprende, oltre all'isola di Penang, una striscia sulla terraferma

Le due parti sono unite dal magnifico ponte di Penang, considerato il più lungo del sud-est asiatico.

Booking.com

GEORGETOWN

Town Hall di Georgetown a Penang - Malesia (photo by Gabriele Ferrando)
Town Hall di Georgetown a Penang - Malesia (photo by Gabriele Ferrando)

 

 

GEORGETOWN è la capitale dello stato di Penang, una bella cittadina coloniale al centro dell'isola, un'affascinante fusione di Oriente e Occidente, che ha saputo conservare parte delle proprie tradizioni senza rinunciare ad efficienza e modernità.

Considerate di spendere un pò di giorni sull'isola perchè tra edifici coloniali, spiaggie e parchi naturali c'è molto da vedere: qui natura, tradizione e storia si fondono in un ricco tessuto culturale.

 

Quindi il modo migliore per iniziare a visitare Penang è partendo dalla città di Georgetown, dichiarata dall'UNESCO "Patrimonio Mondiale dell'Umanità".

Georgetown ha molti vecchi edifici coloniali che conservano ancora tutto il loro fascino, e passeggiando per le vie del centro incontrerete templi buddhisti, moschee, chiese, shophouse cinesi e bancarelle d'ogni tipo.

 

Se siete alla ricerca di alloggi economici dirigetevi verso Chulia Street (Lebuh Chulia) e Love Lane, in piena CHINATOWN.

 

 

ARMENIAN STREET è una delle strade più affascinanti: con i palazzi fatiscenti, opere di street art, templi buddhisti-cinesi, moschee e botteghe, questa via nella parte sud di Chinatown conserva un fascino antico.

 

La cosa migliore da fare è camminare tra Armenian Street e Acheh Street ed osservare le case con le scritte cinesi, i "murales" che compaiono qua e là e gli edifici un pò in rovina.

 

I murales sono diventati una vera e propria attrazione turistica, incoraggiata da scelte intelligenti dell'amministrazione comunale locale.

Considerate di spendere almeno un giorno per il Murales Tour.

 

In Acheh Street troverete anche la Acheen Street Mosque, mosquea costruita nel 1808, fulcro degli scambi tra arabi e malesi.

 

 

Sempre tra Lebuh Armenian e Lebuh Achech troverete una delle strutture più affascinanti di Chinatown: il KHOO KONGSI.

Il kongsi (sede di un clan) è l'edificio in cui le famiglie cinesi con lo stesso cognome si riunisco per aiutarsi reciprocamente, rapprenta l'impegno economico e sociale di una famiglia (clan) nei confronti dei propri stretti, dei propri antenati e della comunità intera.

 

Il kongsi agisce anche come importante strumento di solidarietà. Tuttoggi le funzioni primarie di un kongsi sono rivolte verso l'educazioni dei bambinila risoluzione di controversie tra membri, e l'elargizione di prestiti anticipati.

Si capisce quindi quanta importanza ricopra un Kongsi nella comunità cinese.

 

Costruito circa 650 anni fa, il Khoo Kongsi ha rappresentato la spina dorsale della comunità Hokkien a PenangE' una struttura riccamente decorata: sculture in pietra, murales, pannelli decorativi e numerose lampade di carta.

 

PREZZI: l'ingresso costa 10 RM a persona. ORARIO DI APERTURA: tutti i giorni dalle 9 alle 18. E' possibile vederlo illuminato di notte solo durante il capodanno cinese o il 7 luglio, giorno di festa a Penang.

Sito internet ufficiale del Khoo Kongsi.

 

 

Considerando che Georgetown è la città in Malesia in cui la comunità cinese è prevalente, alloggiare a Chinatown avvantaggia chi voglia scoprire immediatamente zone della città che ancora conservano un fascino d'altri tempi.

 

Nonostante Chulia Street e Love Lane siano strade prettamente turistiche, piene di guest house, ristorantini e Seven Eleven, anche qui "resistono" botteghe cinesi in cui si respira l'aria di un'Asia ormai scomparsa.

Basta lasciare le due vie turistiche ed addentrarsi nelle vie secondarie di Chinatown per scoprire delle verie e proprie perle.

 

Booking.com

 

LITTLE INDIA separa Chinatown dal Colonial District.

Come in tutti i quartieri indiani, qui troverete ottimi ristoranti che servono pollo tandoori, naan, curry e dosa. I numerosi negozi di sari e di dvd di Bollywood mandano musica indiana ad alto volume che sembra quasi di essere al centro di Delhi.

 

 

Il COLONIAL DISTRICT è piacevole da girare a piedi (magari non a mezzogiorno) grazie anche alla brezza che soffia dal mare. Se siete stanchi di girare a piedi,

la linea MPPP degli autobus è gratuita e parte ogni venti minuti dal jetty (molo dei traghetti); compie il giro del distretto coloniale, passando per Chulia street e la stazione dei pullmann. Il bus è modernissimo e pulito, ma l'aria condizionata è veramente troppo fredda ... portatevi un k-way.


Il punto di riferimento e di partenza per compiere una passeggiata nel distretto coloniale è il Fort Cornwallis, costruito dal capitano Francis Light nel 1786 subito dopo lo sbarco sull'isola di Penang

In realtà non c'è molto da guardare a Fort Cornwallis, e non vale molto la pena pagare i 3 RM d'ingresso per vedere delle mura, tre cannoni, una chiesetta ed una vecchia caserma. La maggior parte degli interni è occupato da un moderno anfiteatro utilizzato per spettacoli in occasioni speciali.

Dall'altra parte della strada c'è l'ufficio del turismo della Malesia, dove si possono prendere depliant e raccogliere informazioni sulle cose da vedere e da fare a George TownAccanto all'ufficio del turismo ci sono una serie di biglietterie dove è possibile prenotare il traghetto per LangkawiMedan e altre destinazioni.

Di fronte l'ufficio del turismo c'è il Victoria Memorial Clock Tower, una torre di 18 metri (60 piedicostruita per commemorare la regina Vittoria.

A ovest del forte c'è un grande campo aperto chiamato PadangQuesti campi da gioco piatti sono una caratteristica comune delle città coloniali britannicheSul lato opposto del Padang ci sono il municipio e gli edifici della Town Hall.

 

WAT CHAYA MANGALARAM

 

Fuori dal centro storico coloniale, è quasi d'obbligo visitare due templi buddhisti importanti: il Wat Chaya Mangalaram e il Dhammikarama Temple.

Il WAT CHAYA MANGALARAM, conosciuto anche come Temple of the Reclining Buddhaè stato costruito nel 1845, ed al suo interno ha sede una statua del Buddha disteso di ben 33 metri (108 feet)la terza più grande del mondo.

 

Avvolta in una veste color zafferano, la statua rappresenta un Buddha sorridente; i buddisti credono che il Buddha disteso, con la testa appoggiata al palmo della mano destra e la testa rivolta a nord, significhi illuminazione o Nirvana.

 

PREZZI: L'ingresso al tempio è assolutamente gratuito, naturalmente sarebbe bello lasciare un'offerta spontanea.

L'orario di visita al tempio è dal mattino presto alle 17,30 - tutti i giorni.

 

DHARMIKARAMA BURMESE TEMPLE

 

Il DHARMIKARAMA BURMESE TEMPLE è stato costruito su un terreno donato da un devoto buddista conosciuto come Nyonya Betong. E' il più grande tempio buddista birmano al di fuori del Myanmar.

Nel tempio principale c'è una grande e bellissima statua del Buddha dal volto sereno.  

 

PREZZI: ingresso gratuito. Orari di apertura: dalle 05:00 alle 18:00
Indirizzo: 24 Lorong Burmah, 10250 Penang

Entrambi i templi sono raggiungibili da Chulia street e dal centro con gli autobus 101 e 202 (1,40 RM)
Booking.com

Lasciando Georgetown, l'isola di Penang ha ancora molto da offrire: spiaggie, parchi naturali, templi, ecc ...

La località balneare più famosa dell'isola è BATU FERRINGHI, striscia di lungomare che comprende insenature, spiagge e calette, ma che sicuramente non può essere considerata una spiaggia mozzafiato, se paragonata alle località di mare meravigliose che la Malesia ha da offrire.

 

Il tratto principale è il Jalan Batu Ferringhi, dove una concentrazione notevole di alberghi, ristoranti e negozi la fanno sembrare un pò la Cancun della Malesia.

In spiaggia potrete trovare ogni tipo di sport acquatici: sci d'acqua, jet ski e parapendio.Situata a circa 13 km a nord-ovest di Georgetown, Batu Ferringhi è facilmente raggiungibile dal centro con il bus 101 (3,70 RM).

 

PENANG NATIONAL PARK

Pochi chilometri a nord e si arriva nella tranquilla TELUK BAHANG, un altro mondo rispetto a Batu Ferringhi.

Qui non è molto costruito, e c'è un villaggio di pescatori.

 

L'attrattiva principale è il Penang National Park (Taman Negara Pulau Pinang), un bel parco naturale che si sviluppa su 32 ettari.

Al suo interno si trovano belle spiaggie solitarie, cascate e foresta incontaminata, tutti raggiungibili attraverso una buona rete di percorsi escursionistici ben tracciati. Il parco è anche attrezzato con panchine, aree pic-nic e campeggio.

 

PREZZI: ingresso gratuito. ORARIO DI APERTURA: Dal sabato al giovedì dalle 09:00 alle 17:00, Venerdì chiuso dalle 12:00 alle 14:45

Il parco si raggiunge da Batu Ferringhi o da Georgetown con il bus 101 (1,40 RM da Batu Ferringhi, 3,70 da Georgetown).

 

Il centro dell'isola offre altre due attrattive principali: Penang Hill ed il Kek Lok Si Temple.

PENANG HILL è una delle attrazioni principali dell'isola di Penang e richiama gente del posto e turisti grazie al clima fresco  e alla magnifica vista panoramica spettacolare su George Town, la terraferma, il ponte di Penang e lo stretto di Malacca.

 

La collina, nota anche come Bukit Bendera, è 833 m (2723 ft) sul livello del mare ed è raggiungibile grazie a una funicolare.

 

PREZZI: il costo della funicolare è di ben 30 RM a persona a/r (e non 5 RM come scrivono alcune guide!)

ORARIO DI APERTURA: Dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 19 pm, la domenica ed i giorni festivi dalle 6.30 alle 21 pm

Penang Hill si raggiunge facilmente dal centro di Georgetown con il bus 204 che va in direzione Bukit Bendera (2 RM).

 

KEK LOK SI TEMPLE

 

Il KEK LOK SI TEMPLE (Tempio della beatitudine suprema) è il più grande tempio buddhista in Malesia, costruito nel 1890 e ad oggi una delle icone del paese. 

 

Questo complesso enorme e spettacolare è costruito su una collina circondata da giardini, ed è meta di pellegrinaggio soprattutto per i cinesi. 

Il complesso è diviso in tre zone: il primo livello comprende le bancarelle di souvenir e cibi e lo stagno dove vengono liberate le tartarughe

 

La parte centrale del tempio comprende le case, i giardini, la Pagoda ed il padiglione dei quattro re celesti.

La parte più alta ospita una enorme statua di 30 metri della dea della misericordia, Kuan Yin Una funicolare a pagamento (2 RM) permette di raggiungere la cima. 

 

PREZZI: Ingresso gratuito. ORARIO DI APERTURA: tutti i giorni - 9:00-18:00
Indirizzo: Ayer Itam Hill, raggiungibile da Georgetown con il bus n° 201 (2 RM).