INDIA

Popolazione: 1.173.000.000 circa

Capitale: New Delhi

Religione/i: Induismo, Musulmana, Buddhismo, Gianaismo, Cristianesimo.

Lingua/e ufficiale/i: hindi, inglese, urdu, tamil, ed altre 20 e più lingue.

CLIMA - QUANDO ANDARE

L'India è un paese immenso ed il clima può cambiare molto da regione a regione, per cui è estremamente importante pianificare il proprio viaggio anche in base alle condizioni atmosferiche della zona che si intende visitare.

In generale, il clima dell'India è definito da tre stagioni: calda, fresca, e dei monsoni.

 Da aprile a giugno, il clima è secco e caldo, con temperature media di 38 º C durante il giorno, in particolare nei deserti nord del Rajasthan.

Da luglio a settembre i monsoni sono frequenti e d'intensità molto forte.

Il periodo da ottobre a marzo è generalmente il più piacevole in quasi tutto il paese.


Nel Rajasthan, a Delhi, Agra e Varanasi in estate si arriva oltre i 40 º C.  

Se si ha intenzione quindi di fare il classico giro del Rajasthan il periodo migliore è da ottobre ad aprile, ancora meglio tra febbraio ed aprile. 

 

Nelle zone montuose del nord l'inverno è molto freddo, con nevicate da dicembre a febbraio. La primavera è il periodo ideale per visitare Manali, McLeod Ganj e Rishikesh, l'estate per il Kashmir ed il Ladakh.

Il clima dell'India del Sud è fortemente influenzato dai monsoni.

Da giugno ad agosto i monsoni si concentrano sulla costa occidentale, in quella orientale da ottobre a dicembre.

Il periodo migliore per visitare Calcutta è da ottobre a marzo, con il caldo durante il giorno e fresco di notte. Qui il monsone ha il suo picco tra giugno e agosto.

 

Mumbai (Bombay) e Goa, sarebbero da visitare da ottobre a maggio, quando il clima è più piacevole, poco prima dei monsoni che durano da giugno a settembre.

VISTO

Per entrare in India è necessario il passaporto con validità di almeno sei mesi, più un visto d'ingresso turistico che si può ottenere direttamente all'Ambasciata Indiana a Roma, al Consolato Indiano a Milano o tramite un'agenzia di pratiche consolari.

 

I documenti che vi verranno richiesti per ottenere il visto sono i seguenti:

- Passaporto con validità di almeno sei mesi ed almeno 3 pagine libere

- 2 fototessere uguali con dimensioni 50mm x 50mm, con sfondo bianco.

- L'Application Form debitamente e correttamente compilata (sono molto   fiscali su questo). Il form da compliare lo trovate al seguente link: http://www.indianvisaonline.gov.in/

Nel caso il passaporto sia stato emesso da meno di sei mesi è necessario portare anche il vecchio passaporto, o nel caso il vecchio passaporto sia stato rubato o perduto, occorre allegare una dichiarazione in cui si dichiara che il passaporto è stato perduto o rubato e la rispettiva denuncia fatta ai Carabinieri o Polizia.

Visti speciali
Per visitare alcune zone generalmente chiuse agli stranieri (Sikkim, Assam, ecc ...) è necessario chiedere un permesso speciale.
Potete richiederlo, con anticipo, presso l'Ambasciata indiana a Roma o il consolato a Milano.

Se avete intenzione di visitare un paese confinante con l'India per poi tornare indietro (tipo il Nepal), avrete bisogno di un visto doppia entrata, per ottenere il quale dovrete presentare all'Ambasciata o all'agenzia di pratiche consolari, un piano voli che attesti i vostri spostamenti da/per l'India

 

AMBASCIATA INDIANA
Via XX Settembre, 5
00187 Roma (Italy)
Tel. 00-39-06-4884642/3/4/5
Fax 00-39-06-4819539

CONSOLATO INDIANO
Via Larga, 16
20122 Milano (Italy)
Tel. 00-39-02-8057691 / 00-39-02-865337
Fax 00-39-02-72002226

 

Tra le varie agenzie che si occupano di farvi ottenere il visto, ne segnalo una seria e professionale, con sedi a Roma e Milano:

 

E-MEN AGENZIA PRATICHE CONSOLARI

Sito web: http://www.e-men.it/


 

VALUTA E COSTO DELLA VITA

La valuta indiana è la Rupia, il cui simbolo è INR.

Il cambio € /INR è approssimativamente di 1 € /69 INR.

Clicca qui per essere sempre aggiornato sui tassi di cambio attuali.

Qui sotto una tabellina di cambio (arrotondata) che vi potrà essere molto di aiuto.

 

10 INR = 0,15 €    50 INR = 0,75 €    1.000 INR = 15 €    1.400 INR = 20 €

 

Alcuni prezzi:

Bottiglia d'acqua da 1,5L: 1,50/2 RM

Colazione con roti e the: 2 RM

Birra: 3/10 RM

Un litro di benzina: 1,90 RM

Sigarette: 10 RM

Coca Cola: 1,80 RM

Un pranzo per strada: 5/10 RM

 

Dormendo in camere molto semplici o a volte in dormitorio, mangiando in street restaurant e limitando le birre e gli alcolici, si riesce a stare in un budget di 20 € (80 RM) al giorno.

TRASPORTI

AEREO

Gli aereoporti internazionali più importanti sono quelli di Delhi, Mumbay, e Calcutta.

Con gli ottimi motori di ricerca Skyscanner e Jetcost potrete trovare vantaggiose tariffe aeree dalla vostra città verso qualsiasi destinazione.

Tra le compagnie low cost indiane che offrono voli interni le più rinomate sono: Indigo, Jet Airways, Kingfisher

 

AUTOBUS

Ci sono due tipi di autobus: governativi o privati.

I governativi a volte sono da preferire, specie sui lunghi tragitti.

Se potete preferite sempre i Deluxe bus o I Volvo (ovvero i bus di "lusso" con l'aria condizionata).

In alcuni casi per spostarvi da una località all'altra, specie in montagna, dovrete utilizzare i bus locali ... è una vera e propria esperienza che vi metterà a contatto con la realtà indiana, in alcuno casi però, soprattutto se il tragitto è lungo e l'autobus eccessivamente affollato, questa esperienza può trasformarsi in un viaggio scomodo e pesante.

 

Per conoscere orari e prezzi degli autobus consultate questo utilissimo sito.

 

TRENO

La "leggendaria" ferrovia indiana ha perso un pò colpi con passare degli anni. Il sistema di prenotazione un pò complicato unito al fatto, in alcuni casi, di non avere la certezza di partire, rende preferibile l'uso dell'autobus.

Comunque un viaggio in treno in India è un'esperienza di per sè, e non lasciatevela scappare.

 

Sito ufficiale delle ferrovie indiane.

I siti Clear Trips e Yatra di potranno esservi d'aiuto per trovare gli orari dei treni o per prenotarli direttamente via web.

 

CIBO E BEVANDE

State per entarre in un tripudio di profumi, sapori e colori: la cucina indiana è ottima, ricca e varia. Il sapiente mix di spezie crea curry e masala con cui cucinare ogni tipo di piatto. Molto spesso in india mangerete piatti vegetariani, in alcuni posti addirittura la carne è proibita, sostutuita da legumi come ceci o le onnipresenti lenticchie. Tra il cibo da strada spiccano per popolarità le Samosa, il Kachori o le Pakora.

Consultate la sezione ricette per imparare come preparare deliziose pietanze indiane.

SICUREZZA

INFO PRATICHE

FRASI UTILI

SI: Haa

NO: Nahi

BUONGIORNO: Namaste

GRAZIE: Dhanyavaad (o Shukriyaa usato soprattutto dai musulmani)